11 settembre 2001: Bin Laden attacca e distrugge le Twin Towers del World Trade Center. A tre anni di distanza Il grande fiume della Storia ha cambiato direzione
Osama Bin Laden: genio del male
di Giuseppe Brindisi
1 ottobre 2003

Due anni fa, due aerei di linea americani, pilotati da terroristi islamici, si schiantano contro le Twin Towers di New York che si polverizzano. Un altro aereo, anch’esso di linea ed USA, si sfracella sul Pentagono. Muoiono i passeggeri dei due aerei (e di un terzo che per la reazione di alcuni passeggeri cade in zona disabitata schiantandosi al suolo e causando la morte dei passeggeri, dell’equipaggio e dei terroristi).

Le stragi di americani, opera dei terroristi, erano già numerose e causa di migliaia di morti USA. Da quella di Beirut degli anni 80 (400 soldati americani uccisi con un camion bomba lanciato contro il loro acquartieramento), quelle delle ambasciate africane della fine anni 90, i marinai della portaerei attaccata nel Golfo Persico, sempre in quegli anni, da un barchino esplosivo, da altre minori per numero di morti ma non per ferocia dei terroristi fino all’attentato fatto proprio contro le torri gemelli con esplosivo piazzato nei parcheggi sotterranei.

Altro che avvisi!. L’11 settembre i terroristi attaccano il cuore dell’America, il Trade Center, il simbolo borsistico del pianeta, ed il Pentagono, l’emblema del sistema di difesa americano. Non si saprà mai esattamente quante vittime ha causato l’attacco alle torri gemelle. Si sa, però, che vi lavoravano 50.000 persone.

Cosa dimostra e rappresenta questo terribile evento?
1.Gli USA sono vulnerabili sul loro territori metropolitano;
2.I Terroristi, se hanno violato con tanta facilità la difesa della Nazione più potente del globo, possono distuggere dove, come e quando vogliono obiettivi siti nei territori dell’Occidente (Centrali Elettriche nucleari e convenzionali, strutture pubbliche, fabbriche, opere d’arte, dighe, ponti, acquedotti, elettrodotti, centrali telefoniche, stazioni ferroviarie, porti aeroporti, tanto per citare i più evidenti punti sensibili);
3.I miliardi di dollari spesi per mantenere e far operare i Servizi Segreti, CIA in testa, sono stati buttati via, era meglio fidarsi agli spioni della malavita;
4.L’estremismo islamico dimostra di possedere l’iniziativa e costringe l’Occidente alla difesa.
5.Si evidenzia l’inutilità d’apparati militari imponenti, supertecnologici e modernissimi. Anzi, i terroristi ne fanno un punto di forza contro l’Occidente stesso come  dimostra l’attacco all’america ove TUTTO è americano, eccetto un pugno di terroristi. Come nel judo, i terroristi  sfruttano la forza avversaria per ritorcerla contro lui medesimo. Aerei, aeroporti, mezzi di comunicazione, tutto è americano.
Le razioni possibili dell’occidente sono: o rafforzare le misure di difesa o riprendere l’iniziativa e sottrarsi alla volontà avversaria.
Bush ha scelto la seconda, come i Romani fecero contro Cartagine quando decisero di andare in Africa e colpirla sul suo territori. Strategia risolutiva che costrinse Annibale alla difensiva e determinò la vittoria di Zama.  Scipione l’Africano, distrusse per sempre l’esercito di Annibale che aveva scorazzato 17 anni in Italia umiliando l’Esercito romano in battaglie memorabili come quella del Trasimeno e di Canne.

Questo il significato dello slogan di Bush “ attaccheremo per primi!”. Scelta strategica obbligata perché razionale. Bush ha attaccato e gli USA dominano l'Asia Centrale con due immense basi: L’Afganistan e l’Iraq.

Le altre considerazioni: bombardamenti, morti, occupazione, uccisione di centinaia di americani in imboscate, non hanno alcun valore strategico. Hanno altri valori: umano, etico, ideologico, ma dal punto di vista strategico sono zero assoluto. Un esperto di strategia che  si occupasse di cento, 1000 morti, sarebbe un volgare impostore, un azzeccagarbugli che prende in giro i lettori.

Piaccia o non piaccia è così. E’ come se un cancerologo si preoccupasse di un taglio di lametta da barba.
Lo stesso Papa/Chiesa fa discorsi reboanti su un’esecuzione di un condannato a morte ed ignora che 5000 giovani muoiono in Italia in un anno in incidenti stradali. Il discorso sulla pena di morte interessa milioni di pseudopacifisti, quello sui cinquemila giovani sfracellati nelle auto, interessa si o no i famigliari dei giovani. Un numero insufficiente per occupare lo spazio propagandistico della TV  proibitivo per i costi (agli italiani, perché il Vaticano gratuitamente occupa la TV per ore al giorno su tutti i canali).

L’11 settembre la Storia svolta. Dopo il periodo del contenimento del comunismo che aggirava l’Occidente dall’Asia, Africa, America Latina
e dall’interno dei paesi democratici, sfruttando i contrasti etnici, razziali, economici, di emarginazione (esattamente come fece il Cristianesimo per smontare dall’interno l’Impero Romano ed impossessarsene), gli USA riprendono l’iniziativa come accade nelle controffensive ove, sotto la pressione del nemico più forte e quindi in offensiva, si contiene, si arretra per riacquistare energia e riprendere l’iniziativa, senza il possesso della quale si è alla mercé dell’avversario. Si è ancora all’inizio di una svolta storica che stravolgerà il mondo. 

September 11 th 2001: The great river of the History changes direction 
Osama Bin Laden: genius of the evil
by Giuseppe Brindisi
 



Two years ago, two airplanes of line Americans, piloted by Islamic terrorists, they are broken against the Twin Towers in New York that are pulverized. Another airplane, also it of line and USA, is smashed on the Pentagon. The passengers of the two airplanes die (and of a bystander that for the reaction of some passengers it falls in the uninhabited zone breaking itself to the ground and causing the death of the passengers, of the crew and of the terrorists). 
 
Americans' slaughters, work of the terrorists, was already numerous and cause of thousand of corpses USA. From that of Beirut of the years 80 (400 American soldiers killed with a truck bomb launched against their quartering), those of the African embassies of the end years 90, the sailors of the attached aircraft carrier in the Persian Gulf, always in that years, from an explosive wherry, from others small for number of corpses but not for ferocity of the terrorists up to the done attack really against the towers twin with explosive placed in the underground parking lot. 
 
Anything else other than notices!. On September 11 the terrorists attack the heart of America, the Trade Center, the stock-exchange symbol of the planet and the Pentagon, the emblem of the system of defense American. He/she won't exactly be known never how many victims it has caused the attack to the twin towers. It is known, however, that 50.000 people worked. 
 
What does it show and does it represent this terrible event? 
1. USA are vulnerabilities on their territories metropolitan; 
2. the Terrorists, if you/they have violated with so much facility the defense of the Nation more powerful person of the globe, they are able to destroy where, as and when they want objectives sites in the territories of the west (Central Electric nuclear and conventional, public structures, factories, works of art, dikes, bridges, aqueducts, central telephone, railway stations, hand airports, so much to quote the most evident sensitive points); 
3. the billion of dollars spent for maintaining and to make to operate the Secret Services, CIA in head, has been thrown away, it was better to trust to the informers of the gangsterism; 
4. the Islamic extremism shows to possess the initiative and forces the west to the defense. 
5. the uselessness of imposing military apparatuses is underlined, super-tech and ultramodern. Rather, the terrorists do a point of strength of it against the same west as it proves where attack to the America Everything it is American except a fist of terrorists. As in the judo, the terrorists exploit strength of ennemy to twist it against him same. Airplanes, airports, means of communication, everything is American. 
The possible rations of the west are: or to strengthen the measures of defense or to take back the initiative and to subtract him to the wish avversaria. 
Bush has chosen the second, as the Romans did against Cartagine when they decided to go to Africa and to strike it on his territories. Decisive strategy that he/she forced Annibale to the defensive and it determined the victory of Zama.  Scipione the African, destroyed forever the army of Annibale that had scorazzato 17 years in Italy the Roman army humiliating in memorable battles as that of the Trasimeno and of Reeds. 
 
This the meaning of the slogan of Bush" we will attach for first"!. forced strategic Choice because rational. Bush has attacked and USA dominate Central Asia with two immense bases: The Afganistan and Iraq. 
 
The other considerations: bombardments, dead, occupation, killing of hundreds of Americans in ambushes, doesn't have some strategic value. They have other values: human, ethical, ideological, but from the strategic point of view I am absolute zero. An expert of strategy that was dealt with one hundred, 1000 corpses, would be a vulgar impostor a pettifogger that picks around up the readers. 
 
Likes or doesn't like it is this way. E' as if a cancerologist was worried about a cut of beard blade. 
The same Papa/Chiesa does I talked resounding on an execution of a death row inmate and it ignores that 5000 young people die in Italy in one year in accidents traffic polices. The discourse on the death penalty interests million of pseudopacifisti, that on the young 5000 smashed in the autos, takes an interest or no the young people families. An insufficient number to occupy the prohibitive propagandist space of the TV for the costs (to Italians, because the Vatican free TV deals for times a day on all the channels). 
 
On September 11 the History turns. After the period of the containment of the communism that wandered west from Asia, Africa, Latin America 
and from the inside of the democratic countries, exploiting the ethnic contrasts, racial, economic, of emarginazione (exactly as it made the Christianity to get off from the inside the empire Romano and to take possession of it), USA take back the initiative as it happens where in the counteroffensives, under the pressure of the strongest enemy and therefore in offensive, it is contained, it is withdrawn for repurchasing energy and to take back the initiative, without the possession of which he is to the mercy of the adversary. it is still you to the beginning of a historical turn that the world will twist.   

Home page                                 La guerra in Iraq attraverso le immagini>>>dossier foto                           Link a guerra in Iraq e a terrorismo

>>>La Videoteca dell'orrore del terrorismo islamico