home<                                                                                                  >link su dossier iraq
La guerra senza limiti e l'avvento del Nichilismo

L'avvento del Nichilismo

"Cio' che io racconto e' la storia dei prossimi due secoli. Io descrivo cio' che viene, cio' che non puo' fare a meno di venire: l'avvento del nichilismo.

Questa storia puo' gia' ora essere raccontata; perche' la necessita' stessa e' qui all'opera. Questo futuro parla gia' per mille segni, questo destino si annunzia dappertutto; per questa musica del futuro tutte le orecchie sono gia' in ascolto.

Tutta la nostra cultura europea si muove in una torturante tensione che cresce da decenni in decenni, come protesa verso una catastrofe: irrequieta, violenta, precipitosa; simile ad una corrente che vuole giungere alla fine, che non riflette piu' ed ha paura di riflettere.

Chi prende qui la parola sinora non ha fatto altro che riflettere: come filosofo ed eremita d'istinto, che ha trovato vantaggio nell'appartarsi, nel restar fuori, nel ritardare, come uno spirito audace, indagatore e tentatore che gia' si e' smarrito in ogni labirinto dell'avvenire;…che guarda indietro mentre narra cio' che avverra', come il primo nichilista compiuto d'Europa, che ha gia' vissuto in se'  il nichilismo sino alla fine, e ha il nichilismo dietro di se', sotto di se', fuori di se' "

Nietzsche , Wille zur Macht

_______________________________________________________

La guerra senza limiti, amorale e di annientamento
(riflessioni di Giuseppe Brindisi, 10 maggio 2004)

Il suicidio omicidio dei terroristi islamici è, indubbiamente l'annichilimento della vita (leggi >Suicidio-omicidio: la peste del nuovo millennio). Sarebbe Nichilismo vero e proprio se i terroristi non distruggessero la vita biologica, propria e degli altri, per il sommo egoismo di guadagnarsi la vita eterna e felice sacrificando la vita - non solo biologica - di altri uomini, nemici o non nemici. Ritorna la primordiale credenza di acquisire energia vitale divorando la vittima sacrificale e persino gli dei.
L'uomo bomba che si distrugge per distruggere non appartiene più alla sporadicità, all'eccezionalità. Ormai l'integralismo islamico ne fa un uso generalizzato. La vera novità è, però, che il concetto di guerra senza limiti, dei Colonnelli cinesi Qiao Liang e Wang Xiangsui
(Guerra senza limiti. L'arte della guerra asimmetrica fra terrorismo e globalizzazione. Libreria Editrice Goriziana, 2001),si è ampliato fino a far  assumere al "senza limiti" il significato di "illimitato" anche moralmente, eticamente od altra limitazione avverbiale,aggettivale, lessicale, semantica. Proprio senza alcun limite, nel senso numerico e dimensionale.

L'uomo, il singolo, si autodistrugge per la sopravvivenza della specie cui appartiene e per l'acquisto della vita eterna. La specie è, in questo caso, gruppo di appartenenza, materiale come genie, immateriale come idea.

Questa realtà kafkiana rende insignificante qualsiasi aggettivazione e avverbializzazione limitativa, sicchè, i termini: inumano, incivile, mostruoso, orrendo, aberrante, agghiacciante, inusitato, impietoso, illegale e simili, risuonano vuoti e privi di qualsiasi simbolicità.

Il concetto di guerra totale assume quello di guerra d'annientamento incondizionato della forma di vita ritenuta ostile. La guerra senza limiti travalica qualsiasi confine di ordine giuridico, etico e morale e diviene "guerra senza limiti, guerra amorale e di annientamento"

Bin Laden è il teorico e profeta della nuova forma di guerra. Si parla di guerra e, quindi, di difesa ed offesa, figlie della medesima concezione. L'individuo ha valore zero in quanto tale. Ne assume perchè emanazione di una specie.

Si dirà che questa è pazzia, ma il concetto di pazzia pone limiti  alla normalità e, pertanto, non è usabile in questo contesto.
Ci si trova dinanzi ad un cancro sociale, con materia che si sviluppa e uccide senza regole.
L'occidente deve assimilare immediatamente questa realtà, pena la propria sopravvivenza come specie.

_____________________________________________________________________________________
RIiferimenti
>La guerra senza limiti
>La guerra ha mai avuto limiti?
queata filosofia dello scontro finale

____________________________________________________________________________________________________


LINKs_1
links_2
>/index.html          
>La Finanza, i mercati, il trading on line
>www.Altrementi.org
>Wintrader-online trading online con metodo e prrofitto
Qiao Liang e Wang Xiangsui ">alla recensione del libro".
         L'arte della guerra asimmetrica fra terrorismo e globalizzazione.
> Dossier guerra in iraq e terrorismo
>/guerra_iraq_dossier_Iraq_raccolta_saggi_270803.html        
>/index.html     
>supernapoli       
>wintrader  
>napoliland
>Servizio di documentazione militare/ww.emmegipress.it      
>http://www.milatos.com/free%20add%20url.asp?menu=91  l'informazione, il quotidiano online  
>http://www.napolichespettacolo.it  il mondo è in guerra  
>warnews.it 
http://www.milatos.com/free%20add%20url.asp?menu=91  
>http://www.batkhela.com/
>http://www.scambiovisite.net/cgi-scambiovisite/join.cgi?r=giusbrin39