lettura consigliata>Ritiro del contingente italiano dall'Iraq, fallimento degli USA? 
   Si annuncia una pioggia di sangue per l'Occidente

Guerra mediatica in Iraq
Psycological warfare in Iraq
9 aprile 2004
by Giuseppe Brindisi

                                          Alcuni commentatori di politica internazionale scrivono che gli USA stanno perdendo la  guerra mediatica.
                                          Se fosse vero sarebbe la sconfitta della guerra psicologica americana. La guerra mediatica è guerra psicologica                                                  fatta attraverso i mezzi di informazione che, da una parte tende a fiaccare la volontà del nemico, dall'altra ad elevare                                            il consenso amico ed in primis della propria popolazione.

L'errore grossolano degli USA è di non aver subito adeguato gli obiettivi della propaganda dopo la caduta di Saddam Hussein. Fino alla cattura del Rais il nemico non era il popolo iracheno o le correnti religiose; l'ostacolo al  benessere, alla paace, felicità era Saddam Hussein e il suo staff.

Caduto Saddam, chi è il nemico da combattere? Gli iracheni che eseguono attentati suicidi o non suicidi? I contestatori di piazza?
No!, errore grave indicare in loro il nemico!  Nemico è chi e ciò che si frappone tra il popolo ed il benessere, tra il bene e il male, tra il bello ed il brutto, tra il pulito e lo sporco, tra la fine delle sofferenze ed il loro perdurare. Nella propraganda l'individuazione del nemico da combattere è "conditio sine qua non" per ottenere l'appoggio della popolazione dell'entità contraposta, della propria popolazione, dell'opinione pubblica internazionale.

Il nemico è l'integralismo e chi lo rappresenta, chi si serve di poveracci come gli iracheni che combattono nelle strade o si disintegrano con gli attentati. L'integralismo islamico e chi lo insegna sono nemici anche dei propri soldati e, quindi, nemici comuni la cui eleminazione risolverebbe (propagandisticamente) tutti i problemi. Il nemico è il sonno della ragione ed i suoi predicatori, il nemico è l'irrazionale, il metafisico, il nulla su cui sono fondati i fanatismi. Questo nemico incita i poveracci, miseri iracheni ad uccidere e a farsi uccidere con la pancia vuota, vestiti di stracci, senza scarpe, e i soldati americani che li affrontano. In uno stato democratico è la legge, il volere comune maggioritario a stabilire se far guerra o meno; nei regimi assolutistici, teocratici, sono i despoti che costringono con il terrore (anche le religioni, sì le religioni del terrore!) ad ammazzare per acquisire crediti per la vita felice ed eterna dell'aldilà.

Il piano di propaganda, sviluppato da menti raffinate, deve tendere  a separare i plagiatori dai plagiati. Non ci si sofferma sulle tecniche ben conosciute agli esperti di propaganda, magari da trattare in altra sede.
Fondamentale è basare la propaganda su verità,(anche se parziali). Se fosse costruita su menzogne avrebbe effetti contrari a quelli desiderati.

Gli Israeliani (tutt'altre menti) lo sanno benissimo e, ad uno ad uno, stanno eleminando i capi terroristi senza trascurare di crearne immagini di uomini da far recepire come ostacoli alla pace e cause di sofferenza per tutti, ad iniziare dai loro adepti.

Dopo la caduta di Saddam c'è grande confusione!. Le forze di pace aiutano la popolazione che poi gli spara addosso; gli ex tiranneggiati da Saddam (ci si riferisce ai poveracci) si fanno saltare in aria in obbedienza agli ordini dei loro capi spirituali (sic!). I soldati americani massacrano il popolo che devono aiutare!.
Ma chi è il regista di questo casino? 
























    Ritiro USA da Iraq? Grave pericolo per l'Occidente                                        >Storia del Terrorismo     Giuseppe Brindisi, coordinatore e webmaster. Note biografiche                                                         >Guerra in Iraq: saggi, temi, dossier                                             >Guerra in Iraq: cronologia
           >Situazione geopolitica planetaria attuale                                                 >Dossier Iraq e terrorismo islamico 
                  >Le vere cause della Guerra in Iraq                                                       >Guerra in Iraq: cronologia, cause, saggi critici                                                 
                                 >La guerra senza limiti                                                            >Globalizzazione
                       I protagonisti dei nostri giorni                                                               >La strage di Madrid. Il terrorismo vince le elezioni.
            Guerra in Iraq e Terrorismo: Dossier                                                                >Nuovo Ordine Mondiale: dottrina Bush guerra preventiva
      L’integralismo islamico: disprezzo della vita.                                                                >Intelligenza Artificiale                                                                                  >Teoria                            Shockand Awe. Clausewitz e Ullman                                                              >Guerra in Iraq: Dossier                                                            
  >Guerra in Iraq: analisi di esperti per esperti                                                             >Ammaestramenti della Guerra in Iraq             
              >Antiamericani e terrorismo islamico                                                         >Immagini e foto della guerra in Iraq
            >Terrorismo islamico: crimine di guerra?                                                    >Panoramica su guerra in Iraq, terrorismo
                                                                                              >Foto drammatiche della guerra in Iraq


                                                                                   Stragi di americani in Iraq
                                                   Ritiro del contingente italiano dall'Iraq, fallimento degli USA?
                                                             Si annuncia una pioggia di sangue per l'Occidente
                               " Chi non vuol portare le proprie armi sarà costretto a portare quelle degli altri" (Napoleone).
                                                                        by Giuseppe Brindisi   8 aprile 2004

                                          La questione irachena può avere due sbocchi: ritiro dell'America o creazione di uno Stato democratico  filo-occidentale.
                                          Prima di approfondire le conseuenze per l'ordine mondiale per il verificarsi dell'una o dell'altra ipotesi è indispensabile
                                          valutare un indicatore fondamentale: la minaccia dell'impiego delle armi di distruzione di massa (ADM)
                                          Occorre chiedersi chi vi potrebbe ricorrere ed il grado di probabilità da conferire a tele ipotesi, anche se occorre tener presente
                                          che si tratta di problema ad alto grado di incertezza. >continua

Suicidio-strage, peste del nuovo millennio. L'esaltazione della morte dei terroristi islamici non ha precedenti
La Guerra ha mai avuto limiti? La pratica dell'uccidersi per uccidere, potrebbe indurre i terroristi  ad impiegare il proprio corpo,  autoinfettato, come arma                                                                     batteriologica di distruzione di massa. ( War without limits)                                                                 30 marzo 2004
                                                       
Alessandro Magno, quando le città persiane assediate non si arrendevano, ordinava di uccidere tutti gli abitanti compresi bambini, donne e vecchi. Risparmiava artisti ed artigiani per inviarli schiavi in Grecia. Non diversamente facevano i Romani. Cesare ordinò il taglio delle mani ad un’intera popolazione Gallica che aveva violato i patti.
Gengis Khan, usava far decapitare la maggior parte degli abitanti dei territori conquistati. Le sue armate, per queste barbarie, impiegavano reparti di tagliatori di testa appositamente al loro seguito; essi entravano in azione dopo la conquista e, sistematicamente, staccavano le teste dei vinti come si miete il grano. >continua

___



The psychological warfare in Iraq  
April 9th 2004  
by Giuseppe Brindisi

Some commentators of international politics write that the USA are losing the mediatica war.
If it were true American would be the defeat of the psychological warfare.The mediatica war is made psychological warfare through means of information that, from a part stretches to fiaccare the will of the enemy, from the other to elevate the consent friend and in primis of the own population.
The rough error of the USA is not to have endured adequate objects it you of the propaganda after the fall of Saddam Hussein.Until the capture of the Rais the enemy he was not the people iracheno or the religious currents;the obstacle to the well-being, the peace, was Saddam Hussein and its staff.
Fallen Saddam, who is the enemy to fightThe iracheni that they execute attempted suicides or not suicidesThe heads cutters ?
Not!,serious error to indicate in they the enemy!_ enemy be who and that that is between the people and the well-being, between the good and the evil, between the beautiful and the ugly, between the clean and the dirt, between the end of the suffering and the theirs last.In propraganda the location of the enemy to fight it is "conditio sine" in order not to obtain the support of the population of the entity here contramail, of the own population, international the public opinion.
The enemy is the intégrisme and who represents it, who servants of poor men, like the iraqy people that it fights in the roads or they disintegrate themselves with the attacks.The intégrisme Muslim and who the standard is enemy also of the own soldiers and, therefore, common enemies whose eleminazione would propagandisticamente resolve () all the problems.The enemy is the sleep of the reason and its predicatori, the enemy is the irrazionale, the metaphysician, the null one on which is founds the fanatismi to you.This inborn enemy the poor men to kill and makes itself to kill with the empty belly, dressed of rags, without shoes, and the soldiers Americans who face them.In one be democratic it is the law, the majority wish common to establish if to make war less or;in the absolutist regimes, teocratici, they are the despoti that they force with the terror (also the religions, yes the religions of the terror!)to kill in order to acquire credits for the happy and eternal life of the afterlife.
The plan of propaganda, developed from refined minds, must stretch to separate the plagiatori from the plagiati ones.One does not stop on the techniques very known the propaganda experts to us, to even deal in other center.
Fundamental it is to base the propaganda on truth, (anche if partial).If it were constructed on menzogne it would have contrary effects to those wishes to you.
The Israelis (tutt' other minds) know it very well and, one by one, they are eleminando the terrorist heads without to neglect to create of images of men to make to recepire like obstacles to the peace and causes of suffering for all, to begin from their adepts person.
After the fall of Saddam there is great confusion!.The peace forces help the population that then talks nonsense to it leans;the former ones tiranneggiati from Saddam (refer to us to the poveracci) are blown up in obedience to the orders of their spiritual heads (sic!).The soldiers Americans massacre the people who must help!. 
But who is the director of this caos?