ritiro contingente italiano? pioggia di sangue
Stragi di americani in Iraq
    Ritiro del contingente italiano e degli USA dall'Iraq?
  Si annuncia una pioggia di sangue per l'Occidente
by Giuseppe Brindisi,  8 aprile 2004

                                   La questione irachena può avere due sbocchi: ritiro dell'America o creazione di uno Stato                                       democratico  filo-occidentale.
                                   Prima di approfondire le conseguenze per l'ordine mondiale per il verificarsi dell'una o                                              dell'altra ipotesi  è indispensabile valutare un indicatore fondamentale: la minaccia dell'impiego delle armi di distruzione di massa (ADM)
Occorre definire chi vi potrebbe ricorrere ed il grado di probabilità da attribuire a tale ipotesi, pur tenendo presente che si tratta di problema ad alto grado di incertezza.
Gli elementi salienti che configurano il problema sono:
- possessori attuali nonchè possibili e probabili futuri  detentori;
- volontà di impiego.

Attualmente le ADM sono in possesso di: USA, Russia, UK, Francia, Cina, Pakistan, India, Israele, Corea del nord (?).
USA, Russia, UK, Francia, dispongono di vettori a largo raggio e potrebbero colpire qualsiasi punto della Terra. Le altre potenze sono dotate di vettori a breve-medio raggio, idonei a colpire i territori geograficamente più prossimi al loro.

Chi, tra  i non gli attuali conosciuti detentori, potrebbe avere l'interesse a disporre di ADM?
Di certo le organizzazioni terroristiche e gli Stati cosiddetti canaglia (vedi Dottrina Bush).

Il ritiro dall'Iraq degli USA o, comunque, dei Paesi della coalizione, porterebbe al rafforzamento dell'integralismo islamico ed, in particolare, degli Stati Canaglia. L'Iran, a regime teocratico islamico, con l'iraq, finalmente liberato dal loro nemico Saddam Hussein, formerebbe un'area teocratica islamica nell'Asia Centrale di cui farebbe parte anche l'Afghanistan che, prevedibilmente, seguirebbe l'esempio vittorioso degli integralisti islamici in Iraq.

Il terrorismo assumerebbe una posizione egemone nel mondo islamico e  si aggraverebbe il già bieco odio per l'Occidente.

Il dotarsi di ADM, in caso di fallimento USA in Iraq, diverrebbe esigenza prioritaria della politica del terrore che riterrebbe indispensabile ed irrinunciabile acquisire capacità distruttive di massa  per  soggiocare il mondo con il terrore.

La valutazione del grado di volontà d'impiego delle ADM, ciascun uomo di buona volontà, la può fare ponendosi queste domande:

Se la risposta ai quesiti fosse affermativa, bisognerebbe accettare per vera l'affermazione "Se gli USA fallissero in
Iraq, come in Vetnam, all'Occidente non resterebbe che soccombere al terrorismo".

Si dirà: "gli USA fallirono in Vietnam; non per questo capitolarono".
La differenza sta nella natura delle due ideologie: la comunista e il fanatismo islamico. La prima, pur se aberrante, ha le radici nel razionalismo illuminista, nel positivismo; la seconda nell'irrazionale metafisico, tant 'è che il terrorista suicida considera la vita un ostacolo al raggiungimento della felicità eterna, una prigione da cui uscire per godere in eterno.
Se così non fosse, l'URSS avrebbe trascinato tutta l'umanità nel nulla in cui è scomparsa.

La proprietà sillogica vuole che, se fosse vero quanto fino ad ora affermato, sarebbe  fondato il sospetto che gli antiamericani siano, palesemente e coscientemente, nemici acerrimi dell'Occidente, non solo, ma guerrafondai mascherati da pacifisti, visto che propugnano la vittoria del terrorismo.

Si è detto che, ove gli USA fallissero in Iraq, il terrorismo potrebbe eleggere a fortezza da cui sferrare gli attacchi all?occidente, nell'area dell'Asia Centrale ove Iraq, Iran ed Afagnistan costituirebbero una grande repubblica teocratica integralista islamica. I Paesi moderati arabi avrebbero deboli possibilità di rimanere moderati; sarebbero fagocitati dall'estremismo religioso. Gli Stati Uniti e l'Europa, sconfitti e rinunciatari, avendo perso l'iniziativa, subirebbero la ferocia terroristica in misura ben più grave di quella manifestata dagli integralisti islamici  l'11 settembre a New York e l'11 marzo a Madrid. "Chi non vuol portare le proprie armi", diceva Napoleone "sarà costretto a portare quelle degli altri".

Ove gli USA realizzassero in Iraq uno Stato democratico filoccidentale, sottrarrebbbero all'integralismo islamico, il controllo di una intera regione di indiscusso valore geo-strategico. Con il Giappone del dopoguerra, il disegno di trasformare un Paese militarista ed assolutista in una grande democrazia riuscì felicemente. Perchè gli USA dovrebbero fallire in Iraq?

Occorre convinversi che non vi sono alternative valide all'opera intrapresa dagli USA e che una loro rinuncia a fare dell'Iraq una democrazia, creerebbe le medesime condizioni che si verificarono allorchè l'Occidente, non fermò in tempo Hitler.


___________________


Qiao Liang e Wang Xiangsui ">Guerra senza limiti". L'arte della guerra asimmetrica fra terrorismo e globalizzazione.






rrorismo new new                                                                                                                 Giuseppe Brindisi, coordinatore e webmaster. Note biografiche                                             >Guerra in Iraq: saggi, temi, dossier                                                       >Guerra in Iraq: cronologia
       >Situazione geopolitica planetaria attuale                                                            >Dossier Iraq e terrorismo islamico 
              >Le vere cause della Guerra in Iraq                                                                >Guerra in Iraq: cronologia, cause, saggi critici                                                 
                              >La guerra senza limiti                                                                 >Globalizzazione
                    I protagonisti dei nostri giorni                                                                    >La strage di Madrid. Il terrorismo vince le elezioni.
          Guerra in Iraq e Terrorismo: Dossier                                                                     >Nuovo Ordine Mondiale: dottrina Bush guerra preventiva
  >L’integralismo islamico: disprezzo della vita.                                                                    >Intelligenza Artificiale                                                                                  >Teoria                     Shockand Awe. Clausewitz e Ullman                                                                      >Guerra in Iraq: Dossier                                                            
  >Guerra in Iraq: analisi di esperti per esperti                                                                 >Ammaestramenti della Guerra in Iraq             
             >Antiamericani e terrorismo islamico                                                              >Immagini e foto della guerra in Iraq
           >Terrorismo islamico: crimine di guerra?                                                         >Panoramica su guerra in Iraq, terrorismo
                                                                                                     >Foto drammatiche della guerra in Iraq


Cl>>>La Videoteca dell'orrore del terrorismo islamico