George W. Bush: the first emperor
by Giuseppe Brindisi

The war phase of the Iraq matter is finished with an incontestable success, military and political, of USA.  
In the talks show, is not made in time to amplify the sad prophecies of the polite detractors of the abilities USA, that Baghdad was occupied.  
 
The comic one minister some Iraq propaganda has done as soon as in time, before giving her for him to legs, to say that the Republican Guard of Saddam was prepared to make a massacre of Yankee. 
The whole humanity, sat on the virtual staircases of the Colosseum, to the entrance of the armoured  unit in the arena in Baghdad it looked toward the emperor Bush that, thumb toward, it ordered to his gladiators to end the defeated ones. 
 
Jokes apart (at all so much jokes, however), the rapid undoing of the US tanks with surprised Saddam all, experienced and not experienced.  
 
The true experts, convinced of the inevitable defeat of Saddam, they didn't succeed in explaining the suppression of an action of the tragi-comedy: I meet him/it with the terrible Republican Guard.  
Even the line Maginot had withstood so little time.  
The disappearance of the Watch happened in supremacy times Guinness.  
The dietrologia also explains this supremacy: Americans and Iraq you/they were put of accord. All false as the unloading on the Moon.  
 
The things are otherwise. The unities armored Americans had received the order to race madly toward Baghdad as Guderian toward Dunkerque..  
 
The Iraq army had been paralysed in a cobweb. Missile bloodhounds, bombs from draught to sign, projectiles to elevated perforation, electronic war, psychological war, aerial A10s (real reeds rotating guns with around an airplane), helicopters Apache, bombs of depth terrestrial and other American devilries, danced, they hypnotized and, then they destroyed, rolls him pretorians of Saddam that, put him in underpantses, they looked for escape in the escape I Risk a comparison: the pellerosses had great probabilities of resitere;il technological discrepancy it was less abysmal.  
 
We are made everybody account that is there from crazy to think about fighting with weapons and conventional strengths against USA. You/he/she had done him with success the Vietnam for two motives:  
• First (and this would be enough) the support of USSR and China;  
• Second: giunglo-marshy environment of the Vietnam. 
 
It is done soon to say: America, in Vietnam, it had to immediately to intervene with the maximum possible effort. And USSR and China?  
The world was bipolar and every pole, before acting, it owed tener I count some other in situation of equilibrium of the terror. 
Now the world is unipolar and, we thank God that USA are a great Democracy. If to his place you had been the Third Reich we would now march all to footstep of goose and we would greet there to the cry of heil Hitler. 
 
Bush, in his talked to the Congress, (September of last year), he had illustrated his/her own Sketch Strategic Planetarium 
The understanding expressed by the President can be gathered in three entities:  
• representation of the American reality within that planetary; 
• Mission of USA, 
• Strategic Design and that is: as to acquit The Mission. 
 
 
The American Reality 
So textually Bush is expressed:  
“Today, the United States they enjoy of a position of inimitable military strength and grandiose economic power and politic…Now America she is not threatened from States anymore conquerors, but from States lost. We are not threatened by fleets and armies anymore, but from catastrophic technologies in the hands of few crazy men…The mprontas characteristic of our relationship with Russia is not anymore I meet it, but the cooperation, and the advantages of this change are clear: the equilibrium of the terror is ended that cared separated; you is assisted to a historian reduction of the nuclear arsenals; and we cooperate in sectors as the struggle to the terrorism and the missile defense, things that up to a little while ago you/they would have been inconceivable” 
 
 
The Mission 
“But today, the humanity has among the hands responsibility to make to triumph liberty in spite of all of its enemies. The United States they welcome with joy responsibility to drive this grandiose mission.”  
 
 
AS 
“To extend the benefits of the liberty in the whole planet. Our complete strategy to fight the weapons for the destruction of mass foresees: to extend the benefits of the liberty in the whole planet; to maintain our defenses in degree to make forehead to any challenge with preventive operations of against-proliferation, with deterrent measures and defensives against the threat before it is launched, with: 
• (..) strengthening of the operations of not-proliferation to prevent " States " " scoundrel " and to the terrorists to equipped him with the materials, of the technologies and of the necessary competences for the weapons for the destruction of mass.      • • (..) effective Strategies of management of the consequences of the effects of a possible use of the weapons for the destruction of mass from terrorists or States hostile. 
Bush continues:  "... we won't hesitate to act alone, if necessary, to practice our right to the self-defence preventively striking the terrorists, to prevent the possibility that they can bring damages to our people" 
 
 
The President defines «is outlaw» Iraq and Korea of the north, both deprived ones of those nuclear weapons that instead possess France, Great Britain, Russia, China, India, Pakistan, Israel. (..) He unites States in two categories: the allies and friends of the United States (inclusive those in possession of weapons of destruction of mass) and the rest of the world. 
China, also not being in a state of conflict, even latent, with USA, you/he/she cannot be enumerated entirely among the countries friends of America. How much less for ideological reasons. A communist Country remains.  
It could constitute, in the future, a serious threat for USA, his Allies and, above all, for Russia, with which you are you struggle that they go up again to the time of the Great Wall. 
 
What would it happen if the Chinese developed the ability to strike the United States with a nuclear attack of surprise or, straight, the ability of so-called nuclear retaliation of the “according to hit?” 
 
Let's stop an instant on some concepts of nuclear strategy. 
Ability of the “first hit” it is the possibility of to launch a nuclear attack of surprise but not that of retaliation. 
This ability of retaliation produced, up to the fall of the wall in Berlin, the equilibrium of the terror.  
 
Every of the two Superpowers, also attached of surprised by the other, it kept ability of nuclear retaliation - so-called of the “according to hit” -   
The terror of the mutual destruction, and of the whole world, it assured peace. 
 
The UK, France, China, India, Pakistan, Israel and others small nuclear powers, don't possess, in comparison to USA, the ability of the “according to hit.” 
One hypothetical nuclear attack of theirs against USA would provoke, of certain, the retaliation nuclear annientatrice of America. 
Obviously, to the Americans, this advantage is enough. Beautiful satisfaction would be that to destroy one “is scoundrel” after having suffered the destruction of New York or Washington. 
 
 
The nuclear threats are, therefore, of two tipìs. Terrorist and Strategic.  
 
• Terroristic, for the actual or future possibility, to employ, against USA (and their Allies), tactical nuclear devices of the power of those done to explode on Hiroshima and Nagasaki (20 or 30 Kilotons–a kiloton is equal to thousand tons of tritolo -). Such devices could be launched with missile to middle-short ray or with airplanes kamikaze or, anchor, made to explode as mines (voice that 20 nuclear handbags of ex USSR have disappeared races); 
 
• Strategic, for the possible attack, or from power endowed with limited ability to the first hit or from power capce of the “according to hit”, for now nonexistent. 
 
And if China developed ability of the “according to hit”? With missile ballistic intercontinental? 
Bush's doctrine, to read well her, contains also the strategic lines to face this hypothesis.  
They are founded on the development of the so-called one “spatial shield” and on the doctrine of the preventive attack. When Bush says “we will strike for first…" you is reported, obviously also to this. 
 
Which criticism to the doctrine of Bush?  It seems that the correct weight doesn't give, in the done exposure, to two great themes:  
•  the emptying from the inside of the empire USA through the change of the cultural identity, religious, anthropological, ethnic of USA. The Islam, in analogy to the fall of the empire Romano,  from the    Christianity, possesses ideological potentialities and of demografic development to empty from the inside the west. 
The times, for this hypothesis, they are calculated to centuries; 
•   the pacific conquest of West Fort with migrations of mass (of the level hundreds of million of men) from the Cino-Indian area. 
 
Bush and his intellectual assistants, of certain they also study these challenges and, it won't spend a lot of time, they will become geo-political themes of actuality. 
And the allies Europeans? 
The «Americans put back scarce trust in their allies (...), to exception of the Englishwomen, excluding them from every activity that I/you/he/she am not the more subordinate police job» Zbigniew Brzezinski says, inventor of the anti-Soviet jihad in Afghanistan.  
 
 

George W. Bush: il primo imperatore
di Giuseppe Brindisi


La fase bellica della questione Irachena è terminata con un incontestabile successo, militare e politico, degli USA.
Nei talk show, non si è fatto in tempo ad amplificare i tristi vaticini dei garbati detrattori delle capacità USA, che Bagdad era occupata.

Il comico ministro della propaganda irachena ha fatto appena in tempo, prima di darsele a gambe, a dire che la Guardia Repubblicana di Saddam si apprestava a fare un’ecatombe di yankee.
L’umanità intera, seduta sulle gradinate virtuali del Colosseo, all’entrata dei carri armati nell’arena di Bagdad guardò verso l’imperatore Bush che, pollice verso, ordinava ai suoi gladiatori di finire i vinti.

Scherzi a parte (mica tanto scherzi, però), il fulmineo disfacimento delle Armate di Saddam sorprese tutti, esperti e non esperti.

I veri esperti, convinti dell’inevitabile sconfitta di Saddam, non riuscivano a  spiegare la soppressione di un atto della  
tragi-commedia: lo scontro con la terribile Guardia Repubblicana.
Nemmeno la linea Maginot  aveva resistito così poco tempo.
La sparizione della Guardia avveniva in tempi da primato Guinness.
La dietrologia spiega anche questo primato: americani e iracheni si erano messi d’accordo. Tutto finto, come lo sbarco sulla Luna.

Le cose stanno diversamente. Le unità corazzate americane avevano ricevuto l’ordine di correre all’impazzata verso Bagdad, come Guderian verso Dunkerque..

L’Armata Irachena era stata paralizzata in una ragnatela. Missili segugi, bombe da tiro a segno, proietti ad elevata perforazione, guerra elettronica, guerra psicologica, aerei A10 (veri e propri cannoni a canne rotanti con intorno un aereo), elicotteri Apache, bombe di profondità terrestri ed altre diavolerie americane, danzavano, ipnotizzavano e, poi, distruggevano gli stralunati pretoriani di Saddam che, messisi in mutande, cercavano scampo nella fuga  Azzardo un paragone: i pellerosse avevano maggiori probabilità di resitere;il divario tecnologico era meno abissale.

Ci siamo resi tutti conto che è da pazzi pensare di combattere con armi e forze convenzionali contro gli USA. L’aveva fatto con successo il Vietnam per due motivi:
• Primo (e basterebbe questo) l’appoggio dell’URSS e della Cina;
• Secondo: ambiente giunglo-paludoso del Vietnam.

Si fa presto a dire: l’America, in Vietnam, doveva intervenire subito con il massimo sforzo possibile. E l’URSS e la Cina?
Il mondo era bipolare e ciascun polo, prima di agire, doveva tener conto dell’altro in situazione di equilibrio del terrore.
Ora il mondo è unipolare e, ringraziamo Iddio che gli USA siano una grande Democrazia. Se al suo posto fosse stato il Terzo Reich ora marceremmo tutti a passo d’oca  e ci saluteremmo al grido di heil Hitler.

Bush, nel suo discorso al Congresso,  (settembre dello scorso anno), aveva illustrato il proprio Disegno Strategico Planetario
Gli intendimenti espressi dal Presidente  si possono raggruppare in tre entità:
rappresentazione della realtà americana nell’ambito di quella planetaria;
MISSIONE degli USA,
Disegno Strategico e cioè: come assolvere LA MISSIONE.


La Realtà Americana
Bush così testualmente si esprime:
“Oggi, gli Stati Uniti godono di una posizione di impareggiabile forza militare e di grandioso  potere economico e politico…Ora l'America non è più minacciata da Stati conquistatori, ma da Stati perdenti. Non  siamo più minacciati da flotte ed eserciti, ma da tecnologie catastrofiche nelle mani di pochi esagitati…L'impronta caratteristica del nostro rapporto con la Russia non è più lo scontro, ma la cooperazione, e i vantaggi di questo cambiamento sono chiari: è finito l'equilibrio del terrore che ci teneva divisi; si è assistito ad una storica riduzione degli arsenali nucleari; e cooperiamo in settori come la lotta al terrorismo e la difesa  missilistica, cose che fino a poco tempo fa sarebbero state inconcepibili”


La Missione
“Ma oggi, l'umanità ha tra le mani la responsabilità di far trionfare la libertà a dispetto di tutti i suoi nemici. Gli Stati Uniti accolgono con gioia la responsabilità di guidare questa grandiosa missione”.


COME
“Estendere i benefici della libertà in tutto il pianeta. La nostra strategia completa per combattere le armi per la distruzione di massa prevede: di estendere i benefici della libertà in tutto il pianeta; di mantenere le nostre difese in grado di far fronte a qualsiasi sfida con operazioni preventive di contro-proliferazione, con misure deterrenti e difensive contro la minaccia prima che essa sia sferrata, con:
•(..) rafforzamento delle operazioni di non-proliferazione per impedire agli   "Stati canaglia" e ai terroristi di dotarsi dei materiali, delle tecnologie e delle competenze necessarie per le armi per la distruzione di massa.     
•(..) Strategie efficaci di gestione delle conseguenze degli effetti di un eventuale utilizzo delle armi per la distruzione di massa da parte di terroristi o Stati ostili.
Bush prosegue: 
"... non esiteremo ad agire da soli, se necessario, per esercitare il  nostro diritto all'autodifesa colpendo preventivamente i terroristi, per prevenire la possibilità che essi possano arrecare danni al nostro popolo"


Il Presidente definisce «stati fuorilegge» Iraq e Corea del nord, entrambi privi di quelle armi nucleari che invece possiedono Francia, Gran Bretagna, Russia, Cina, India, Pakistan, Israele. (..) Egli accomuna gli Stati in due categorie: gli alleati ed amici degli Stati Uniti (compresi quelli in possesso di armi di distruzione di massa)  e il resto del mondo.
La Cina, pur non essendo in uno stato di conflitto, neppure latente, con gli USA, non può essere annoverata tra i paesi del tutto amici dell’America. Quanto meno per ragioni ideologiche. Rimane un Paese comunista.
Essa potrebbe costituire, in futuro, una gravissima minaccia per gli USA, i suoi Alleati e, soprattutto, per la Russia, con cui vi sono contrasti che risalgono al tempo della Grande Muraglia.

Cosa accadrebbe se i cinesi sviluppassero la capacità di colpire gli Stati Uniti con un attacco nucleare di sorpresa o, addirittura, la capacità di ritorsione nucleare cosiddetta del “secondo colpo” ?

Soffermiamoci un attimo su taluni concetti di strategia nucleare.
Capacità del “primo colpo” è la possibilità di sferrare un attacco nucleare di sorpresa, ma non quella di ritorsione.
Questa capacità ritorsiva generò, fino alla caduta del muro di Berlino, l’equilibrio del terrore.

Ciascuna delle due Superpotenze, pur attaccata di sorpresa dall’altra, conservava la capacità di ritorsione nucleare - cosiddetta del “ secondo colpo”- 
Il terrore della distruzione reciproca, e del mondo intero, assicurava la pace.

L’UK, la Francia, la Cina, l’India, il Pakistan, Israele ed altre minori potenze nucleari, non possiedono, rispetto agli USA, la capacità del “secondo colpo”.
Un loro ipotetico attacco nucleare contro gli USA provocherebbe, di certo, la ritorsione nucleare annientatrice dell'America.
Ovviamente, agli Americani, questo vantaggio basta. Bella soddisfazione sarebbe quella di distruggere uno “Stato canaglia” dopo aver subito la distruzione di New York o di Washington.


Le minacce nucleari sono, dunque, di due tipì. Terroristico e Strategico.

Terroristico, per la possibilità attuale o futura, di impiegare, contro gli USA (ed i loro Alleati),  ordigni nucleari tattici della potenza di quelli fatti esplodere su Hiroshima e Nagasaki (20 o 30 Kiloton – un kiloton è pari a mille tonnellate di tritolo-). Tali ordigni potrebbero essere lanciati con missili a medio-corto raggio o con aerei kamikaze o, ancora, fatti esplodere come mine (corre voce che siano scomparse 20 valigette nucleari dell’ex URSS) ;

Strategico, per l’eventuale attacco, o da parte di potenza dotata di capacità limitata al primo colpo o da potenza capce del “secondo colpo”, per ora inesistente.

E se la Cina sviluppasse la capacità del “secondo colpo”? Con missili balistici intercontinentali?
La dottrina di Bush, a leggerla bene, contiene anche le linee strategiche per fronteggiare questa ipotesi.
Esse si basano sullo sviluppo del cosiddetto “scudo spaziale” e sulla dottrina dell’attacco preventivo. Quando Bush dice “colpiremo per primi…" si riferisce, ovviamente anche a questo.

Quale critica alla dottrina di Bush?
Sembra che non dia il giusto peso, nell’esposizione fatta, a due grandi temi:
lo svuotamento dall’interno dell’impero USA mediante la snaturazione della identità culturale, religiosa, antropologica, etnica degli USA. L'Islamismo, in analogia alla caduta dell’Impero Romano, fagocitato dal Cristianesimo, possiede le potenzialità ideologiche e di sviluppo demografico per svuotare dall’interno l’Occidente.
I tempi, per questa ipotesi, si calcolano a secoli;
l’espugnazione pacifica della fortezza Occidente con migrazioni di massa (del livello centinaia di milioni di uomini) dall’Area Cino-indiana.

Bush e le sue teste d’uovo, di certo studiano anche queste sfide e, non passerà molto tempo, diverranno temi geo-politici di attualità.
E gli alleati Europei?
Gli «americani ripongono scarsa fiducia nei loro alleati (...), ad eccezione degli inglesi, escludendoli da ogni attività che non sia il lavoro poliziesco più subordinato» dice  Zbigniew Brzezinski, ideatore del jihad anti-sovietico in Afghanistan.



Dottrina Bush

Bush Doctrine